Sabaudia, lakes surrounded by fire: extensive damage to vegetation

15 July 2019

Published by https://www.latinacorriere.it



ITALY – Devastating fires in the night and in the early afternoon of today in Sabaudia around the lakes of Monaci and Caprolace. The fire destroyed six hectares of Mediterranean scrub and caused damage to a local nursery.

The flames that broke out in the late evening yesterday, in an area that was difficult to access and included in the protection of the Circeo National Park, in the inner part between Rio Martino and La Bufalara, were only extinguished this morning thanks to the decisive intervention of a helicopter and a canadair brought by the provincial command of the fire brigade. Committed to containing the front of the fire together with the fire brigade, the forest police and the civil protection volunteers.

On the basis of an initial assessment, six hectares of vegetation went up in smoke around the salt waters of the Monks. Investigations are underway to establish the cause that triggered the hell. Supposed the fraud, in consideration of the fact that the area is wild and far from roads. Possible that someone has entered to set fire voluntarily. The episode is of concern, given the intimidating “messages” sent last June 24 to the forest police and the Circeo National Park.

In the early afternoon of today another terrible fire broke out in the outbuildings of a nursery located in Via Diversivo Nocchia, facing the north shore of Lake Caprolace, another water surface protected by the constraints of the Circeo National Park. The wind has favored the extension of the flames even outside investing brushwood and reeds and making it difficult to shut down. Firefighters and civil protection volunteers are on site. Also in this case the causes are all to understand.


Sabaudia, laghi accerchiati dal fuoco: ingenti danni alla vegetazione

Devastanti incendi nella notte e nel primo pomeriggio di oggi a Sabaudia attorno ai laghi dei Monaci e di Caprolace. Il fuoco ha distrutto sei ettari di macchia mediterranea e prodotto danni ad un’azienda vivaistica del posto.

Le fiamme divampate nella tarda serata di ieri, in una zona di difficile accesso e rientrante nella tutela del Parco nazionale del Circeo, nella parte interna tra Rio Martino e la Bufalara, sono state spente soltanto questa mattina grazie al risolutivo intervento di un elicottero e di un canadair fatti arrivare dal comando provinciale dei vigili del fuoco. Impegnati a contenere il fronte del rogo insieme ai vigili del fuoco, i carabinieri forestali e i volontari della Protezione civile.

In base ad un primo bilancio sono andati in fumo sei ettari di vegetazione attorno alle acque salate dei Monaci. Sono in corso indagini per stabilire la causa che ha innescato l’inferno. Ipotizzato il dolo, in considerazione del fatto che la zona è selvaggia e lontana da strade carrabili. Possibile che qualcuno si sia addentrato per appiccare il fuoco volontariamente. L’episodio desta preoccupazione, visti i “messaggi” a carattere intimidatorio recapitati il 24 giugno scorso ai carabinieri forestali e al Parco nazionale del Circeo.

Nel primo pomeriggio di oggi un altro spaventoso incendio è scoppiato nelle pertinenze di un vivaio che si trova in via Diversivo Nocchia, di fronte alla sponda nord del lago di Caprolace, altro specchio acqueo tutelato dai vincoli del Parco nazionale del Circeo. Il vento ha favorito l’estensione delle fiamme anche all’esterno investendo sterpaglie e canneti e rendendo difficili le operazioni di spegnimento. Sul posto i vigili del fuoco e volontari della protezione civile. Anche in questo caso le cause sono tutte da capire.

Print Friendly, PDF & Email
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien